Vai menu di sezione

“Scrivere le migrazioni”, archivio digitale online

08/01/2020

Oltre 15mila pagine raccontano il vissuto di migranti in Italia ed emigranti all’estero

Fornire un contributo alla conoscenza della storia dell’emigrazione italiana nel mondo ma più in generale dei fenomeni migratori. È questo lo scopo dell’Archivio digitale “Scrivere le migrazioni” da poco accessibile online. Si tratta di uno dei maggiori archivi del suo genere, contenente oltre mille elaborati, centinaia di foto storiche ed oltre 80 video-documentari. Un totale di oltre 15mila pagine tra memorie, racconti, diari, saggi, studi e ricerche.
Il progetto ha consentito di recuperare e digitalizzare un ampio repertorio di oltre 500 racconti e memorie e di altrettanti saggi, studi e ricerche sull’emigrazione italiana nel mondo e sull’immigrazione in Italia raccolti da Filef negli ultimi decenni. Sono in gran parte elaborati selezionati durante le nove edizioni del “Premio Pietro Conti”, ai quali si aggiunge un altro analogo archivio messo a disposizione dalle associazioni della rete “Filef” in Italia e nel mondo e da altri partner.
L’iniziativa è stata realizzata da Filef con il sostegno della Direzione Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano e grazie al contributo di CISE Multimedia-Lavoro e FIEI (Federazione Italiana Emigrazione Immigrazione).
L’archivio è un “work in progress” implementabile e aggiornabile con tutti gli ulteriori contributi che perverranno da altri soggetti o da singoli, a partire dalle attuali esperienze di nuova emigrazione e di nuova immigrazione.

Archivio digitale “Scrivere le migrazioni”

Nota dell'Associazione Carta di Roma

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Mercoledì, 08 Gennaio 2020

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto