Vai menu di sezione

I numeri della protezione internazionale in Italia

15/06/2019

Pubblicato il Quaderno statistico 1990-2018 della Commissione Nazionale per il diritto di asilo

I richiedenti asilo nel 2018 in Italia sono stati 53.596, in calo rispetto agli oltre 130.000 richiedenti registrati nel 2017. Il numero delle richieste esaminato ammonta invece a 95.576. La percentuale dei dinieghi sfiora il 60%, cui si aggiunge un altro 8% di richieste respinte per irreperibilità del richiedente. I dati emergono dalle statistiche sulle domande di protezione internazionale e gli esiti in Italia aggiornato al 2018 dalla Commissione Nazionale per il diritto d'asilo.
Nel complesso, nel 2018 le Commissioni hanno riconosciuto uno dei tre benefici di protezione a 31.429 persone: 7.096 status di rifugiato, 4.319 protezioni sussidiarie e 20.014 umanitarie. In percentuale, rispetto al totale di domande d'asilo esaminate, lo status di rifugiato rappresenta una quota del 7%, la sussidiaria del 5% e l'umanitaria del 21%. Tutti e tre i benefici sono in diminuzione rispetto al 2017 (quando erano stati rispettivamente l'8%, il 9% e il 25%).
Se si guarda alle cittadinanze di provenienza, si osserva che lo status di rifugiato nel 2018 è stato concesso al 91% dei richiedenti siriani (779 le domande esaminate totali), al 54% di quelli eritrei (707 domande esaminate totali), al 45% di quelli somali, al 27% di quelli afghani e al 26% di quelli salvadoregni e irakeni. I richiedenti afghani sono coloro ai quali in percentuale è stata maggiormente concessa la protezione sussidiaria: 59% di tutte le richieste di cittadini afghani esaminate, seguite dalle richieste dei cittadini irakeni (44%) e dalle richieste dei cittadini somali (41%).
Basse le percentuali di riconoscimento per le cittadinanze più numerose fra i richiedenti asilo incontrati nel 2018. Fra i richiedenti nigeriani, primi in assoluto, i riconoscimenti dello status di rifugiato, della protezione sussidiaria e di quella umanitaria sono stati rispettivamente del 7%, 1% e 17%. Fra i richiedenti bengalesi, secondi, 2%, 1% e 25%. Fra i richiedenti pakistani, terzi, 4%, 7% e 14%.

Il Quaderno statistico 1990-2018 della Commissione Nazionale per il diritto di asilo
Il prospetto offre una panoramica dell'andamento dei flussi migratori legati al fenomeno dell'asilo, fotografandone il trend a livello nazionale a partire dal 1990, anno in cui l'Italia è diventata a tutti gli effetti un “Paese d'Asilo”. I dati del Quaderno sono raccolti in tabelle, una per ogni anno solare dal 1990 al 2018, suddivise in 2 sezioni: la prima rappresenta l'andamento delle domande di protezione presentate e la loro ripartizione in base ai Paesi d'origine, la seconda riporta gli esiti delle richieste d'asilo distinti per aree geografiche e Paesi d'origine. Nel quaderno, infine, vengono riportate anche tabelle che contengono i dati delle decisioni disaggregati per ognuna delle Commissioni territoriali.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Sabato, 15 Giugno 2019 - Ultima modifica: Domenica, 16 Giugno 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto