Vai menu di sezione

Corridoi umanitari, primo bilancio

09/04/2019

In due anni cinquecento richiedenti asilo salvati dai trafficanti

Ci sono anche duecento bambini, di cui metà sotto i dieci anni, fra i cinquecento richiedenti asilo salvati in due anni dai trafficanti e aiutati ad integrarsi attraverso formazione professionale e lavoro. Lo afferma Caritas Italiana elencando i primi risultati dell’esperienza dei corridoi umanitari (iniziativa alla quale aderisce anche il Trentino) aperti da Conferenza episcopale italiana, Comunità di S.Egidio e governo italiano. I dati sono contenuti nel rapporto “Oltre il mare”, presentato a inizio aprile 2019.
Il programma umanitario, avviato in virtù di un protocollo d’intesa sottoscritto nel 2017 tra la Cei e i ministeri degli Affari esteri e dell’Interno insieme alla Comunità di Sant’Egidio, ha consentito fino ad ora l’arrivo in sicurezza in Italia di cinquecento richiedenti protezione internazionale che vivevano nei campi profughi dell’Etiopia, Giordania e in Turchia. Individuati tra i più vulnerabili, i beneficiari sono stati complessivamente oltre cento famiglie.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Martedì, 09 Aprile 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto