Vai menu di sezione

Arrivi via mare, i dati aggiornati

14/05/2019

Le cifre relative al primo quadrimestre 2019 sono fornite dal ministero dell’Interno

Nei primi quattro mesi del 2019 sono arrivati via mare in Italia 746 migranti, il 92% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018, quando furono 9.467. I dati sono forniti dal ministero dell'Interno. Per la prima volta dal 2017 il principale paese di partenza è la Tunisia (con una quota pari al 33% dei migranti giunti via mare), seguita dalla Libia (29%), dalla Grecia (17%) e dall'Algeria (13%). Quella tunisina è anche, come nel 2018, la principale nazionalità dichiarata al momento dell’arrivo (250), seguita dall'algerina (95), dall'irachena (79), dalla bengalese (57) e dalla pakistana (57).
Per quanto riguarda le domande di protezione internazionale, 12.365 persone dal 1 gennaio al 28 aprile 2019 hanno presentato domanda di asilo in Italia (-52% rispetto al corrispondente periodo nel 2018). La principale nazionalità dei richiedenti asilo è quella pakistana (21% delle domande presentate), seguita da quella nigeriana, bengalese e ucraina.

Sono invece 311, nei primi tre mesi del 2019 (stime dell’OIM, Organizzazione internazionale per le migrazioni), i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo, di cui 297 nel Mediterraneo centrale.

Sul fronte dell’accoglienza, i migranti presenti nelle diverse strutture al 1° maggio 2019 sono 118.533. La regione in cui v’è il maggior numero di migranti in accoglienza è la Lombardia (16.623), seguita da Emilia-Romagna, Campania, Lazio e Piemonte, ciascuna con circa 10.000 persone accolte.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Martedì, 14 Maggio 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto