salta navigazione

Area riservata
character » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere

CINFORMI - Centro informativo per l'immigrazione

Provincia Autonoma di Trento
Sei qui: Home > News ed eventi > Anno 2018 > Cinema e seconde generazioni, nuovo appuntamento con “Dov’è casa mia?”

locandina film
04/11/2018

CINEMA E SECONDE GENERAZIONI, NUOVO APPUNTAMENTO CON “DOV’È CASA MIA?”

in programma il film “Per un figlio”, di Suranga Deshapriya Katugampala

Il 12/11/2018 all’Astra di Trento seconda proiezione della rassegna che indaga vite, sogni e timori dei ragazzi divisi tra due culture

Il difficile dialogo fra una madre impegnata nell’estenuante lavoro di “badante” e un figlio di seconda generazione diviso fra due culture. Sarà “Per un figlio”, di Suranga Deshapriya Katugampala (Italia/Sri Lanka, 2016, 74'), il prossimo film proposto nell’ambito della rassegna “Dov’è casa mia? Lo sguardo del cinema sui figli delle migrazioni”. L’appuntamento è in programma lunedì 12 novembre 2018, alle ore 21, al cinema Astra in Corso Buonarroti a Trento.
Dopo l’ampia partecipazione di pubblico della prima serata, torna quindi la rassegna che indaga vite, sogni e timori dei ragazzi che vivono a cavallo fra due identità culturali. La proiezione del film “Per un figlio” sarà introdotta e commentata da Elisa Rapetti e Aliona Botnari per il progetto “Storie da Cinema” del Centro per la Cooperazione Internazionale di Trento. Interverranno sulle tematiche affrontate Veronica Ciubotaru, presidente dell’associazione italo/moldava Arcobaleno, Lesya Vozna dell’associazione degli ucraini in Trentino Rasom e Delia Rodica Caian per la comunità ortodossa-romena.
L’iniziativa, promossa dal Cinformi della Provincia autonoma di Trento, si inserisce nell'ambito del progetto “Mondinsieme”, co-finanziato dall'Unione Europea. La rassegna, organizzata da Wasabi filmakers, è curata da Katia Malatesta, esperta di cinema e di espressioni della diversità culturale e religiosa.

Il film “Per un figlio” di Suranga Deshapriya Katugampala (Italia/Sri Lanka, 2016, 74')
Sunita, una donna srilankese di mezza età, divide le proprie giornate fra un estenuante lavoro di “badante” e un figlio adolescente. Fra loro regna un silenzio pieno di tensioni. È una relazione segnata da molti conflitti. Il figlio, cresciuto in Italia, fa esperienza di un’ibridazione culturale difficile da capire per la madre, impegnata a lottare per vivere in un paese al quale non vuole appartenere.

Links correlati:
La rassegna "Dov’è casa mia? Lo sguardo del cinema sui figli delle migrazioni"

Inserisci un commento

  • captcha

(ultimo aggiornamento: 13/11/2018)

credits | copyright e policy