salta navigazione

Area riservata
character » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere

CINFORMI - Centro informativo per l'immigrazione

Provincia Autonoma di Trento
Sei qui: Home > News ed eventi > Anno 2015 > Richiedenti asilo, opportunità di crescita economica

profugo
05/11/2015

RICHIEDENTI ASILO, OPPORTUNITÀ DI CRESCITA ECONOMICA

lo affermano le previsioni della Commissione Europea

L'arrivo dei richiedenti asilo potrebbe determinare effetti economici positivi

L'effetto economico indotto dall'arrivo di un gran numero di richiedenti asilo nell'UE nel breve periodo determinerà, con l'aumento della spesa pubblica, un rialzo del PIL; a medio termine si prevede un ulteriore effetto positivo sulla crescita indotta dall'aumento dell'offerta di lavoro, purché vi siano politiche adeguate per favorire l'accesso al mercato del lavoro. L'effetto sulla crescita riguarda l'UE nel suo complesso, ma potrà rivelarsi più consistente in alcuni stati membri. Lo afferma la Commissione Europea nelle previsioni economiche di autunno 2015.
La Commissione stima un incremento della popolazione europea di 1 milione di rifugiati nel 2015, 1,5 milioni nel 2016 e di un altro mezzo milione nel 2017. Proprio nel 2017 si dovrebbe registrare una "graduale normalizzazione" dei flussi e delle domande d'asilo e quindi, nel complesso, l'aumento della popolazione europea dovuto al fenomeno dovrebbe essere di circa lo 0,4%. Secondo la Commissione UE, l'impatto positivo sul PIL nell’Unione Europea, dovuto all'incremento della forza lavoro, dovrebbe essere di 0,25 punti percentuali al 2017 o, considerando un afflusso di lavoratori poco qualificati, di 0,2 punti nel medio termine.
Lo studio della Commissione sottolinea come l’impatto economico nei diversi stati membri dipenderà non solo dall’entità degli ingressi, ma anche dal tempo di permanenza dei richiedenti asilo nello stato, dalla capacità dello stato di integrare i richiedenti asilo nel mercato del lavoro e di far uso dei fondi comunitari. Inoltre, lo studio afferma che la spesa aggiuntiva sostenuta dagli stati per l'accoglienza, non uniforme fra i diversi paesi, è "limitata per la maggior parte dei paesi UE".

Links correlati:
Il comunicato stampa della Commissione Europea
La nota del portale Integrazione Migranti

Inserisci un commento

  • captcha

(ultimo aggiornamento: 06/11/2015)

credits | copyright e policy