salta navigazione

Area riservata
character » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere

CINFORMI - Centro informativo per l'immigrazione

Provincia Autonoma di Trento
Sei qui: Home > News ed eventi > Anno 2015 > Charlie Hebdo, parla l'antropologo Duccio Canestrini

Duccio Canestrini
07/01/2015

CHARLIE HEBDO, PARLA L'ANTROPOLOGO DUCCIO CANESTRINI

“reagire con più libertà e più democrazia”

“Occorre saper distinguere e differenziare; ci occorre l'appoggio di tutte le comunità musulmane”

Il 7 gennaio 2015, a Parigi, un commando ha fatto irruzione nella sede del settimanale satirico “Charlie Hebdo”. Il bilancio delle vittime è di dodici morti fra giornalisti, agenti delle forze dell'ordine, un ospite della redazione e il portiere del palazzo sede del giornale. Vi sono state anche alcune persone gravemente ferite. Poche ore dopo il fatto di sangue è arrivata la condanna, senza se e senza ma, delle comunità islamiche del Trentino-Alto Adige, d'Italia e d'Europa. Il fatto di sangue rischia comunque di avere conseguenze devastanti sul dialogo e sulla convivenza fra le diverse culture e religioni, non solo in Francia ma anche nel contesto internazionale. Ne abbiamo parlato in una video-intervista Skype con l'antropologo Duccio Canestrini, con il quale abbiamo affrontato anche le sfide presenti e future dell'immigrazione nel contesto italiano.

Links correlati:
Guarda l'intervista a Duccio Canestrini

Inserisci un commento

  • captcha

(ultimo aggiornamento: 08/01/2015)

credits | copyright e policy