salta navigazione

Area riservata
character » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere

CINFORMI - Centro informativo per l'immigrazione

Provincia Autonoma di Trento
Sei qui: Home > Guide pratiche > Lavorare nell'ambito domestico > Contratto lavoro domestico

donna e anziana

CONTRATTO LAVORO DOMESTICO

Rapporti di lavoro nell'ambito familiare

Il contratto di lavoro domestico disciplina il rapporto di lavoro domestico che comprende le attività retribuite nell'ambito della vita familiare, quali baby-sitter, assistenza anziani e colf

LAVORO DOMESTICO: sintesi CCNL in vigore

CONTRATTO INDIVIDUALE LAVORO
In due copie con indicazione della data di assunzione, qualifica, categoria, orario di lavoro e retribuzione convenuta;per quanto non verrà specificato si rimanderà alle leggi vigenti in materia.

ORARIO DI LAVORO art.15
CONVIVENTI = 10 ore giornaliere non consecutive per un totale di 54 ore settimanali
NON CONVIVENTI = 8 ore giornaliere pari a 40 ore settimanali;
Il Lavoro notturno svolto tra le ore 22 e le ore 6, SE ORDINARIO- è compensato con il 20%

PERIODO DI PROVA art.13
Livelli A - A super; B - B super; C-C super. = 8 giorni di effettivo lavoro;
Livelli D - D super = 30 giorni di effettivo lavoro.

RETRIBUZIONE:
pattuita con libera contrattazione, comunque non inferiore al minimo contrattuale
(vedi tabelle retributive allegate)

RIPOSO SETTIMANALE art.14
36 ore settimanali di cui 24 ore consecutive da godersi nel giorno di domenica e 12 ore da godersi in altro giorno della settimana da concordarsi tra le parti, per rapporti di lavoro a tempo pieno e/o con convivenza;

GRATIFICA NATALIZIA art.37
una mensilità a Natale.
In caso di convivenza, corresponsione di una mensilità, comprensiva anche della indennità di VITTO e ALLOGGIO;

F E R I E art 18
26 giorni lavorativi l’anno da godersi ,di norma nel periodo tra giugno e settembre, o previo accordo tra le parti anche in due periodi. In caso di convivenza, sarà corrisposta anche l’indennità di VITTO e ALLOGGIO;

FESTIVITA’ art.17
a) per conviventi, riposo retribuito in ragione di 1/26 della retribuzione mensile comprensiva dell’indennità di VITTO e ALLOGGIO;
In caso di prestazione lavorativa, oltre al pagamento della giornata come sopra, verranno retribuite le ore lavorate con la maggiorazione del 60% ;
b) per lavoratori ad ore, riposo retribuito in ragione di 1/26 della retribuzione mensile.

SOSPENSIONE DEL LAVORO EXTRAFERIALE art.19
In caso di assenza del datore di lavoro oltre il periodo delle ferie, corresponsione della retr.glob. di fatto(paga base + idennità di VITTO E ALLOGGIO)

MALATTIA art.26
da documentare con certificazione medica entro il 2° giorno
* I primi 3 giorni continuativi di malattia saranno retribuiti al 50% - i giorni successivi al 100%.

Conservazione del posto di lavoro
-per anzianità sino a 6 mesi = 10 giorni per anzianità da 6 a 24 mesi = 45 giorni
-per anzianità oltre 24 mesi = 180 giorni;

Retribuzione
= 8 giorni di calendario
= 10 giorni di calendario
= 15 giorni di calendario

INFORTUNIO art.27
Denuncia all’INAIL entro le 24 ore e corresponsione della retribuzione per i primi TRE giorni

PERMESSI RETRIBUITI art.20
Per lavoratori conviventi: 16 ore annue,( ridotte a 12 per i conviventi part-time), per visite mediche documentate.
Per lavoratori non conviventi con orario superiore a 30 ore settimanali, 12 ore annue, sempre per visite mediche documentate. Se l’orario è inferiore a 30 ore sett. le 12 ore saranno riproporzionate.
3 giorni lavorativi per LUTTO familiare ( per congiunti sino al 2° grado)
2 giorni al lavoratore padre per nascita di un figlio

STRAORDINARIO art.16
Lo straordinario è compensato con la retribuzione globale di fatto oraria cosi maggiorato:
lavoro notturno (dalle ore 22 alle ore 6 ) MAGGIORAZIONE del 50%
lav,straord. diurno (dalle ore 6 alle ore 22 ) MAGGIORAZIONE del 25%
lavoro straordinario domenicale e festivo MAGGIORAZIONE del 60%.
per lavoro diurno eccedente le 40 ore sett./li, sino alle 44 ore, MAGGIORAZIONE del 10%

MATERNITA’ art.24
Divieto di licenziamento, salvo che per giusta causa, dall’inizio della gestazione, se insorta nel corso del rapporto di lavoro, e fino a 5 mesi di astensione obbligatoria. LD.Lgs.151/2001

CONGEDO MATRIMONIALE art.23
15 giorni di calendario retribuiti. In caso di convivenza, corresponsione anche dell’indennità di VITTO e ALLOGGIO;

SCATTI DI ANZIANITA’ art.35
per ogni biennio il 4% della retribuzione minima contrattuale, fino ad un massimo di 7 scatti;

P R E A V V I S O art.38
Per i rapporti di lavoro superiori a 25 ore settimanali, con anzianità fino a 5 anni presso lo stesso datore di lavoro sono 15 giorni di calendario mentre per anzianità superiore a 5 anni sono 30 giorni di calendario.
I suddetti termini sono ridotti a 50% nel caso di dimissioni.

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO (T.F.R.) art.39
Accantonamento di un importo annuo (rivalutabile in base agli indici ISTAT) risultante dalla seguente operazione:
percepito dal lavoratore nell’anno solare (compresa indennità di VITTO e ALLOGGIO se convivente, 13^ mensilità e ferie) diviso il coefficiente 13,5; Su richiesta del lavoratore,potrebbe essere anticipato non più di 70% una volta all’anno.

N.B. Per persona autosufficiente si intende il soggetto in grado di compiere le più importanti attività relative alla cura della propria persona ed alla vita di relazione.

A cura di Alexandra Cacuci
Sporttello Assistenza familiare del Cinformi
Via Zambra, 11
38121 Trento
Telefono: 0461/405672

(ultimo aggiornamento: 10/02/2016)

credits | copyright e policy
Provincia Autonoma di Trento

©2007

Provincia Autonoma di Trento

pagine a cura del CINFORMI


38121 Trento (Italy)

via Lunelli, 4

tel +39 0461 491888

fax +39 0461 491899