Vai menu di sezione

Rilascio permesso di soggiorno per lavoro subordinato art.27

Il permesso di soggiorno per lavoro subordinato per le persone immigrate entrate in Italia ai sensi dell'articolo 27 del D. Lgs. 286/1998 va chiesto, entro 8 giorni lavorativi dall'ingresso (con visto di ingresso per Lavoro subordinato), alla Questura di Trento tramite l'Ufficio postale abilitato, dopo aver sottoscritto il contratto di soggiorno e compilato la domanda su apposito modulo (kit) presso il Cinformi della Provincia autonoma di Trento. Con la Ricevuta spedizione kit, il Passaporto, il Nulla osta al lavoro e il Contratto di soggiorno sottoscritto si può iniziare l'attività lavorativa e iscriversi al Servizio sanitario all'Azienda sanitaria competente per territorio. Una volta inviato il kit postale si dovrà chiedere, entro 20 giorni, l'iscrizione all'anagrafe della popolazione residente al proprio Comune di dimora abituale in provincia di Trento.

1. Richiesta rilascio permesso di soggiorno al Cinformi

  • Marca da bollo da euro 16
  • Fotocopia del Passaporto (escluse le pagine bianche) 
  • Fotocopia Nulla osta al lavoro

2. Spedizione busta (kit) dall'Ufficio postale (abilitato). Bisogna presentare il Passaporto in originale

  • Versare con bollettino postale 30,46 euro per il PSE (permesso di soggiorno elettronico) + il contributo di 40 euro per la durata del permesso di un anno o 50 euro per due anni. Se dirigenti o personale altamente qualificati il contributo è di 100 euro. Se ricercatori l’importo è di 50 euro.
  • Spedire la busta pagando 30 euro
  • Ritirare Ricevuta spedizione kit, Ricevuta fiscale pagamento e l’appuntamento con la Questura
  • Nota: In attesa del rilascio del permesso di soggiorno si può chiedere l’iscrizione provvisoria al Servizio sanitario e fare la scelta del medico presentando in visione il Passaporto, la Ricevuta spedizione kit e il Codice fiscale

3. Iscrizione al Comune (di dimora abituale) entro 20 giorni dall'invio del kit postale

documenti da presentare in visione

(1) Passaporto (2) Ricevuta postale (3) Nulla osta al lavoro (4) Codice fiscale

4. presentazione alla Questura il giorno dell’appuntamento consegnato dall’ufficio postale

Rilievi fotodattiloscopici (impronte digitali)

consegnare in prima convocazione

  • 4 foto recenti formato tessera con fondo chiaro
  • oltre ai documenti eventualmente richiesti dalla Questura si deve presentare in visione (1) Passaporto (2) Ricevuta spedizione kit (3) Nulla osta al lavoro (se previsto) (4) Lettera di convocazione o certificato di residenza
torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Mercoledì, 12 Settembre 2018 - Ultima modifica: Giovedì, 06 Dicembre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto