Vai menu di sezione

Tutto sul soggiorno in Italia per 90 giorni, non prorogabili

  • i cittadini dell’Unione Europea hanno piena libertà di ingresso con un semplice documento d’identità; 
  • i cittadini extra-Schengen con permesso di soggiorno in uno dei paesi dell'area non hanno bisogno del visto; possono viaggiare con passaporto e permesso di soggiorno; 
  • i cittadini di alcuni paesi extra-Schengen con accordi particolari possono rimanere nei paesi dell'area Schengen senza visto per turismo e con passaporto biometrico;
  • i cittadini di tutti gli altri paesi extra-Schengen hanno bisogno di un visto per visitare i paesi dell'area, per qualsiasi motivo di viaggio e per la durata prevista dal visto.

Il Visto Schengen per turismo viene richiesto nel proprio Paese di origine presso il Consolato italiano e rilasciato per un soggiorno massimo di 90 giorni da utilizzare in un solo viaggio (un ingresso) o in più viaggi (multi ingresso). Non è possibile soggiornare nell'area Schengen per turismo per più di 90 giorni nell'arco di 6 mesi. Se il turista ha già trascorso 90 giorni nei paesi dell'area Schengen (come totale di tutti i giorni trascorsi in uno o più dei 26 Paesi dello spazio comune) deve attendere altri 90 giorni per richiedere un nuovo visto Schengen. 

Attenzione! Il visto ha una validità che è il tempo all’interno del quale si può utilizzare ed una durata, che è il periodo massimo di soggiorno consentito.

I Paesi    in esenzione dell’obbligo di visto i cui cittadini , quindi, NON sono soggetti all’obbligo di visto per soggiorni di durata massima di 90 giorni sono:
Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Dominica, El Salvador, Ex-Repubblica Iugoslava di Macedonia (FYROM), Emirati Arabi Uniti, Georgia, Giappone, Grenada, Guatemala, Honduras, Hong Kong, Isole Salomone, Israele, Kiribati, Malesia, Macao, Marianne del Nord, Marshall, Mauritius, Messico, Micronesia, Monaco, Montenegro, Nicaragua, Nuova Zelanda, Palau, Panama, Paraguay, Perù, Saint Kitts e Nevis, Samoa, Santa Lucia, Serbia, Seychelles, Singapore, Stati Uniti, St. Vincent e Grenadine, Taiwan, Timor Est, Tonga, Trinidad, Tobago, Tuvalu, Ucraina, Uruguay, Vanatu, Venezuela.

Per i cittadini non soggetti all’obbligo di visto il conteggio dei 90 giorni avviene:
•partendo dalla data del primo ingresso in area Schengen; 
•si interrompe in caso di uscita dall’area Schengen 
•riparte dal conteggio precedente, con un nuovo reingresso. 
Questi 90 giorni si possono suddividere nell’arco di 6 mesi che iniziano dalla data di primo ingresso.

Esempio: la cittadina albanese Aida arriva in Italia il 02.03.2018 e si trattiene per 70 giorni. Dopodiché visita per 10 giorni la Grecia e ritorna quindi in Albania. Siamo così al 20 maggio 2018. Può rientrare in Italia in luglio? Si, ha ancora 10 giorni a disposizione e siamo nell’arco dei 6 mesi utili.

 

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Mercoledì, 10 Ottobre 2018 - Ultima modifica: Venerdì, 08 Febbraio 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto