Vai menu di sezione

E allora, che cosa cambia in materia di iscrizione anagrafica?

Si premette che l’obiettivo generale dell’insieme delle disposizioni introdotte è quello di riportare a una gestione ordinaria il “sistema asilo” nazionale, attraverso il progressivo azzeramento delle istanze pendenti e la contrazione dei tempi di esame delle richieste di asilo. Durante la fase tecnica di esame dell’istanza, al richiedente asilo - pur non essendo più iscritto all’anagrafe della popolazione residente in base alle nuove norme - continuano a essere assicurati gli stessi servizi di accoglienza e di assistenza, le cure mediche e i servizi scolastici per i minori. Si tratta, in concreto, di circa 98.000 richiedenti asilo – numero che si conta di assorbire entro l’anno grazie alla notevole riduzione dei flussi di ingresso incontrollato e alle iniziative di velocizzazione delle procedure di riconoscimento – a fronte dei circa 4 milioni e mezzo di stranieri regolarmente residenti ad altro titolo, che possono essere iscritti all’anagrafe.

Al termine dell’iter procedurale connesso all’istanza di asilo e a seguito del riconoscimento di una forma di protezione, lo straniero potrà essere regolarmente iscritto all’anagrafe, avendo una prospettiva stabile di presenza sul territorio.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Mercoledì, 23 Gennaio 2019

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto