Vai menu di sezione

Associazione italo/ecuadoregna "Ponte di sostegno educativo”

L'associazione è nata nel 2016 e ha tra le principali finalità quella di aiutare le persone straniere a inserirsi e a comprendere il contesto culturale italiano e trentino, rispettando comunque le diverse tradizioni culturali d’origine

Contatti
Indirizzo:
Via Palestrina, 5
CAP:
38122
Località:
Trento
Telefono:
328 2419986
E-mail:
Posizione GPS:

Come arrivare

Finalità

  • aiutare le persone straniere a inserirsi e a comprendere il contesto culturale italiano e trentino, rispettando le diverse tradizioni culturali d’origine
  • favorire il dialogo e l’interazione fra persone di diversa nazionalità e cultura, al fine di abbattere le barriere ed i pregiudizi razziali 
  • fornire supporto alle famiglie, sia italiane che straniere, al cui interno sono presenti situazioni di grave disagio e svantaggio, in particolare di tipo economico e sociale 
  • aiutare e sostenere le persone che vivono in condizione di bisogno nei paesi poveri e in via di sviluppo per porre fine o comunque alleviare le gravi situazioni di disagio e sofferenza 
  • sensibilizzare la popolazione locale sui grandi temi della fame, della povertà e dell’emarginazione presenti oggi in moltissime zone del mondo

Attività

  • assistere ed aiutare materialmente, economicamente, moralmente e psicologicamente le persone di nazionalità straniera residenti sul territorio provinciale, fornendo loro informazioni e consigli utili a risolvere le loro difficoltà, oltre che un servizio di mediazione interculturale e linguistica
  • realizzare progetti ed iniziative di solidarietà e cooperazione internazionale nei paesi di sviluppo, con particolare riguardo a quelli che hanno ad oggetto le donne ed i bambini 
  • promuovere ed organizzare incontri, dibattiti, seminari, conferenze ed altre iniziative di carattere culturale e didattico
  • curare la ricerca e la formazione di nuovi volontari, al fine di creare una rete di persone attive e motivate all’interno del territorio provinciale e nazionale
  • organizzare campagne di sensibilizzazione ed altre forme di raccolta fondi per finanziare le attività dell’associazione 
  • creare reti e collaborazioni pro-attive con altri enti, pubblici e privati, anche mediante la stipula di rapporti contributivi e convezionati
Pagina pubblicata Lunedì, 15 Ottobre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto